Il museo civico di Chioggia dice addio alle infiltrazioni grazie a Derbigum

L’annoso problema, insieme alla difficoltà di rimozione del supporto esistente, è stato risolto dal gruppo specializzato in materiali da copertura ecologici e a basso impatto ambientale utilizzando prodotti specifici applicati a freddo. Eccellente il risultato anche sotto il profilo estetico.

Incastonata tra il Delta del Po e la Laguna Veneta, Chioggia ha il profumo del mare e il suo mercato ittico all’ingrosso rifornisce le tavole di mezza Italia. Sorge su piccole isole collegate da ponti, il borgo antico ha i ritmi lenti e passeggiare tra le sue calli incanta. La sua storia millenaria è ben rappresentata nel Museo Civico della Laguna Sud, articolato su tre livelli che raccontano la storia del territorio dall’età del bronzo ai legami con la Serenissima per finire con un intero piano dedicato alla cantieristica e marineria locale.

Un museo importante, per la comunità locale e non solo, che però per anni si è trascinato un problema di infiltrazioni e di interventi non risolutivi. «È per tali ragioni che il Comune di Chioggia ci ha contattato – spiega Franco Villa, Country Manager Derbigum Italia -, nella speranza che riuscissimo a risolvere il loro problema, legato alla geometria particolare della copertura e alla presenza dei lucernai». Un intervento delicato sul piano tecnico e non invasivo del contesto architettonico in cui è inserito l’edificio.

Grazie al suo sistema a freddo, Derbigum ha potuto risolvere il problema delle infiltrazioni. La posa a freddo della membrana Derbicolor FR (in tonalità Brun Bourgogne) tramite adesivo Derbibond S consente infatti di saturare i sottofondi non regolari e permette quindi di non eliminare il supporto esistente, costituito dalla vecchia impermeabilizzazione, con benefici economici e ambientali importanti. In questo modo non è infatti necessario sostenere né il costo di economico né il relativo impatto ambientale collegati allo smaltimento della vecchia impermeabilizzazione. La stesura della colla garantisce inoltre la totale aderenza su tutta la superficie e l’impermeabilizzazione già dall’applicazione. La vernice Derbiprimer S è stata applicata sul supporto esistente per migliorare ulteriormente l’adesione delle membrane.

L’intervento, nel complesso, ha riguardato una porzione di circa 250 metri quadrati di un padiglione espositivo adiacente al museo. Il risultato è stato eccellente sia sotto il profilo tecnico, oltre alle infiltrazioni c’era anche il problema della difficoltà di rimozione del supporto esistente, sia sotto il profilo estetico. La sala impermeabilizzata è quindi oggi tornata perfettamente fruibile e pronta ad ospitare mostre temporanee di arte contemporanea. Perché Chioggia, come Derbigum, ha radici solide ma guarda al nuovo e all’innovazione con attenzione.

www.derbigum.it

About DERBIGUM
DERBIGUM è oggi partner e punto di riferimento per l’impermeabilizzazione di coperture attraverso soluzioni di altissima qualità, ad alto contenuto tecnologico e innovativo, a basso impatto ambientale, sostenibili e sicure, semplici nell’applicazione, in grado di proteggere dagli agenti naturali e da qualsiasi condizione climatica, garantendone la tenuta e la durata nel tempo.  Il gruppo, di proprietà 100% belga, vanta un’unità di produzione e riciclo in Belgio, a Perwez, con filiali in Olanda, Francia, Italia, Svezia, Norvegia, Svizzera, Sudafrica. La società è poi rappresentata anche in Danimarca, Finlandia, Gran Bretagna, Spagna, Portogallo e Romania con più di due terzi della produzione destinati all’export. Conta ad oggi 350 addetti e una produzione annua di 10,6 milioni di m2 di membrane impermeabili e oltre a 3,2 milioni di kg di prodotti liquidi.

Condividi